VIRTUOSISMO E MELODIA NELLA MUSICA ITALIANA “I SOLISTI VENETI” – “ENSEMBLE VIVALDI”

 SABATO 29 SETTEMBRE 2018 alle ore 21 BORGORICCO, TEATRO ALDO ROSSI

PROGRAMMA

VIVALDI – Sonata in re minore op.1 n.12 “La Follia”

per due violini e violoncello

TARTINI – Sonata in sol minore g5 “Il trillo del Diavolo” per violino e violoncello

ROSSINI – (nel 150.mo anniversario della morte)

Variazioni in mi bemolle maggiore per clarinetto e archi

su temi di “Mosè in Egitto” e de “La Donna del lago”

PAGANINI – “Le charme de Padua” per violino e archi

PIOVANI – “La vita è bella”

MORRICONE – “Nuovo Cinema Paradiso” per clarinetto e archi

ARBAN – Variazioni sul “Carnevale di Venezia” per tromba e archi

S´intitola “Virtuosismo e Melodia nella musica italiana” ed è l’appuntamento finale del ricco calendario del “Veneto Festival 2018”, annunciato per sabato 29 Settembre alle ore 21 al Teatro Aldo Rossi di Borgoricco. Dedicato a Claudio Scimone, il concerto è nuovamente segno del fortissimo e determinato impegno con il quale l´Ente “I Solisti Veneti”, fondato da Claudio Scimone nel 1959, intende perpetuare la memoria del suo grande Maestro e onorare il suo insegnamento di vita e di bellezza. In programma pagine barocche, romantiche e contemporanee affidate al celebre talento dei famosissimi solisti dell´“Ensemble Vivaldi” classico gruppo d´archi con magari l´aggiunta di qualche strumento a fiato – la sera del 29 Settembre saranno un clarinetto e una tromba – che a Borgoricco si muoverà con agio e fantasia tra Sette, Ottocento e Novecento. La “Follia” di Vivaldi aprirà la serata. Si tratta della Sonata in re minore op. 1 n. 12, una serie di variazioni per due violini e violoncello che il “Prete Rosso” edificò su un tema di danza assai popolare ai suoi tempi, la “Follia” appunto. Giuseppe Tartini, il grande violinista padovano al quale, sin dalla fondazione, il “Veneto Festival” è dedicato e Gioachino Rossini, del quale quest´anno si celebra il 150.mo anniversario della morte, brillano al centro del programma, dapprima con una pagina tartiniana leggendaria e assai virtuosistica (la Sonata in sol minore g5 “Il trillo del Diavolo” per violino e violoncello) e quindi con le altrettanto virtuosistiche Variazioni in mi bemolle maggiore per clarinetto e archi che Rossini scrisse durante gli anni napoletani sue due bei temi tratti da altrettanti suoi lavori, precisamente il Dramma Sacro “Mosè in Egitto” e il melodramma “La Donna del lago”. Un elegante, affettuosa miniatura musicale è invece il successivo “Le charme de Padua”, scritta da Nicolò Paganini dopo un soggiorno nella città veneta, mentre provengono dalla bellissima e troppo spesso trascurata letteratura cinematografica del Novecento il sereno tema de “La vita è bella” scritto da Nicola Piovani per l´omonima pellicola cinematografica e il popolare “Nuovo Cinema Paradiso”, motivo principale della colonna sonora che Ennio Morricone compose per il noto film. Sarà infine lo smagliante timbro della tromba a chiudere gloriosamente la serata con la variazioni davvero mozzafiato che il più grande solista di tromba dell´Ottocento – Jean-Baptiste Arban – scrisse per tromba e archi lasciando ai posteri uno dei più eloquenti (e pericolosi!) esempi della sua impareggiabile abilità strumentale.

BIGLIETTI: a Borgoricco presso Biblioteca Comunale (Viale Europa, 10 – tel. 049 9337930 dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13 mercoledì e venerdì dalle 15 alle 19) e Centro Culturale Aldo Rossi (Viale Europa 12 tel 049 9336321 sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18.30); a PADOVA presso Ente I Solisti Veneti (Piazzale Pontecorvo, 4/A – tel. 049 666128, e-mail: info@solistiveneti.it)